Articoli

Ryanair accusata di abuso di dati biometrici

La compagnia aerea sta affrontando una denuncia in Spagna per violazione dei diritti di protezione dei dati in relazione a un sistema di verifica dell’identità che utilizza il riconoscimento facciale, considerato abusivo. Un’associazione accusa l’azienda di utilizzare una procedura “invasiva” e ingiustificata.

Rendere l’esperienza più complessa?

Ryanair ha richiesto la verifica dell’identità con il riconoscimento facciale quando un cliente ha effettuato una prenotazione tramite un’agenzia di viaggi. Questa procedura di verifica imposta a determinati clienti è stata fortemente criticata, in quanto sembra violare le leggi sulla protezione dei dati e promuovere un vantaggio competitivo sleale. Questa procedura non è necessaria se il cliente prenota direttamente con Ryanair.

Questa misura sembra quindi un tentativo di scoraggiare e complicare le prenotazioni tramite terzi e di incoraggiare i clienti a prenotare direttamente sul suo sito. La strategia solleva dubbi sull’etica delle pratiche commerciali dell’azienda.

Secondo Ryanair, lo scopo di questo processo sarebbe quello di aiutare a verificare i dettagli di contatto di un cliente, sebbene la compagnia aerea disponga già di tutte le informazioni pertinenti e questa verifica non sia necessaria se un cliente prenota direttamente con loro. “Hanno già i vostri dati per inviarvi il link al processo di ‘verifica’. Anche la verifica dei dati di contatto tramite la biometria non ha molto senso: il vostro indirizzo e-mail non è stampato sul vostro viso o sul vostro passaporto. Il processo di revisione contabile di Ryanair sembra un altro tentativo di rendere la vita più difficile ai passeggeri e ai concorrenti per aumentare i profitti“, sostiene Romain Robert, direttore del programma della noyb, che ha lanciato l’accusa. Lo scopo di questi sistemi di riconoscimento facciale è principalmente quello di controllare i volti e le identità, non i dati dei clienti come gli indirizzi e-mail.

L’uso dei dati biometrici

Oltre all’esperienza dell’utente e alla concorrenza sleale, anche la sicurezza dei dati è sotto accusa, poiché il modo in cui questi dati vengono elaborati rimane poco chiaro. L’azienda non ha fornito informazioni comprensibili sullo scopo di questo processo e gli utenti non hanno informazioni chiare su come verranno utilizzati i loro dati. Di conseguenza, il consenso degli utenti non è informato o specifico, rendendo il suo utilizzo non valido ai sensi delle norme del RGPD (Regolamento generale sulla protezione dei dati).

Questo caso evidenzia la crescente importanza della protezione dei dati e della privacy nell’ambiente digitale di oggi e potrebbe avere importanti implicazioni per il modo in cui le aziende utilizzeranno le tecnologie di riconoscimento facciale in futuro.

Autore dell'articolo
Adrien

Adrien

Digital marketing manager | Facendo parte del team Marketing di Netheos, utilizzo questo blog per condividere con voi tutte le ultime novità dell'azienda.
Condividi questo articolo
Interview

Pierre Pontier, Directeur Général de Namirial France

Libri bianchi
Newsletter


Infografiche